I progressi della ricerca nella cura dei tumori

Il Molecular Drive
10 novembre 2017
Nasce l’Atlante genetico dei tumori
11 aprile 2018
I progressi della ricerca nella cura dei tumori

Lo studio delle caratteristiche genetiche del paziente.

Il progresso scientifico nell’ambito della cura dei tumori ha raggiunto traguardi che consentono di approcciare le terapie da un punto di vista nuovo: quello delle caratteristiche genetiche del paziente.

La conoscenza del genoma umano oggi permette di tracciare il “profilo” di ognuno di noi, di capire come le nostre cellule rispondono quando devono affrontare una malattia come il tumore.

Ognuno di noi ha una “carta d’identità” genetica. Per l’oncologo è importante conoscerla per poter individuare la terapia giusta, il farmaco più efficace.

Oggi tutto questo è possibile. Ed è quindi possibile personalizzare le terapie. Tutto comincia da un test del sangue, la biopsia liquida, che misura le capacità di mutazione genetiche del tumore. Una volta accertata la presenza di mutazioni, l’oncologo - in collaborazione con altre figure professionali, come quella del biologo molecolare e del genetista - cercherà di capire quali fra queste sono driver, ovvero in grado di “guidare” la trasformazione del tumore. Sulla base di queste considerazioni l’oncologo sarà in grado di individuare la terapia - o le terapie- in grado di rispondere efficacemente alle mutazioni subite dal tumore del paziente. Per questo oggi si parla di oncologia di precisione e di targeted therapy, che possiamo tradurre come “terapia mirata a un target, a un bersaglio”. Da anni credo in questo nuovo corso dell’oncologia. E l’esperienza che ho maturato e che sto maturando, giorno dopo giorno, mi conferma che questa è la strada giusta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *